Il Miglior Formaggio del Mondo è Spagnolo!

0
1337

Mercoledì scorso, 28 Novembre 2012, la giuria del World Cheese Awards, competizione (sponsorizzata, tra gli altri, dal Gruviera Svizzero e dal nostro Grana Padano) che proclama ogni anno un nuovo “miglior formaggio del mondo” ha espresso il suo parere.

In base al parere di 255 giudici provenienti da tutto il mondo, il vincitore dell’edizione 2012 è il Manchego DO Gran Reserva, un formaggio spagnolo che batte la concorrenza agguerrita dei più rinomati formaggi francesi, italiani e svizzeri arrivati alla fase finale.

Il Blu di Bufala Italiano

Tra gli italiani, il contendente al primato è stato il “Blu di Bufala” dell’Azienda Agricola Gritti Bruno & Alfio. Il curioso nome potrebbe far pensare alla celebre notizia delle “mozzarelle blu” provenienti dalla Germania qualche anno fa… ma ovviamente si tratta di tutt’altro!

Il Blu di Bufala è tipicamente prodotto in Lombardia, nei dintorni di Bergamo.

Realizzato con lieviti e muffe nobili, viene prodotto esclusivamente con latte intero pastorizzato di bufala.

Il risultato è un formaggio erborinato dalla forma squadrata e dalla crosta ruvida e corposa.

Al suo interno, le sfumature blu caratterizzano l’aspetto conferendo al prodotto il suo curioso nome.

Passiamo ora a parlare del vero campione!

Il Manchego DO Gran Reserva è un formaggio prodotto nella comunità autonoma di Castilla-La Mancha, a sud-est di Madrid.

Si tratta di un formaggio a pasta pressata riconosciuto come DOP a livello europeo, nella versione vincitrice prodotto dalla Dehesa de los Llanos di Albacete.

Prodotto esclusivamente con latte crudo e pastorizzato di pecora di razza Manchega, è uno dei formaggi più famosi della Spagna.

Caratterizzato da una forma cilindrica, crosta di colore giallastro e dai motivi “a treccia” sui bordi.

Al gusto si presenta denso e compatto, con sapore intenso e leggermente salato.

É stato scelto tra gli oltre 2700 formaggi in concorso, provenienti da 30 Paesi.

I giudici ne hanno particolarmente apprezzato la leggerezza e l’intensità, descivendolo  come “un formaggio straordinario, leggero ma con note alte come quelle di un canto corale e un finale aromatico lungo e sorprendente“.

 

Luca Cattaneo

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui