Parole Spagnole che sembrano Italiane: attenzione ai “Falsi Amici”!

0
868

Lo spagnolo e l’italiano sono lingue molto simili. La lingua ispanica è infatti una lingua romanza che utilizza l’alfabeto latino. Per questo motivo la pronuncia di buona parte dei fonemi è non uguale a quella italiana. 

Nonostante questo, anche in Spagnolo esistono i cosiddetti “falsi amici”: parole che somigliano ad altri termini italiani ma che hanno un significato totalmente diverso!

Per evitare figuracce tentando di parlare spagnolo è bene dunque conoscere i “falsi amici” più pericolosi e usarli con molta cautela! 🙂

 

I “FALSI AMICI” DELLO SPAGNOLO

SEGURAMENTE: Non pensate che si stia parlando di qualcosa di inevitabile se in Spagna viene usato l’avverbio seguramente. La traduzione italiana del termine sarebbe infatti un meno deciso “probabilmente”.

ACEITE: Uno degli errori più comuni commessi dagli italiani in Spagna è versare litri di aceite sulla propria insalata convinti che sia solo aceto e che non faccia ingrassare! Attenzione: aceite significa olio! Per chiedere del vero aceto dovremmo usare vinagre.

VASO: Se degli spagnoli vogliono offrirvi un vaso di vino non pensate che ne stia arrivando una quantità esagerata: vaso significa semplicemente bicchiere!

AFAMADO: Se non mangiate da un po’ di tempo non dite che siete afamados. Con questo termine si descrivono persone “famose”.

BURRO: Non si tratta del condimento perfetto per i vostri crostini al salmone, ma di un asinello! Sul pane spalmate la mantequilla.

ARROZ: Se avete ordinato un arroz e state preparando lo stomaco ad un bel pezzo di carne al forno mi dispiace ma con tutta probabilità resterete delusi da ciò che vi sarà servito: un piatto di riso! Se amate l’arrosto chiedete un asado!

CHICHÓN: Benché suoni come il nostro “ciccione”, questa parola si usa per definire il classico “bernoccolo” in testa.


EMBARAZADA: Se avete rovesciato qualcosa in una casa spagnola non dite di essere “molto embarazado!”. Embarazada significa infatti “incinta”, immaginate le facce dei vostri interlocutori!

LARGO: Un “falso amico” davvero insidioso. Questo aggettivo si traduce in italiano come “lungo”. Per intendere il nostro “largo” useremmo ancho o amplio.

SALIDA: Scritto su molte porte, indica l’uscita. Allo stesso modo, per “uscire” usiamo il verbo salir. “Salire” si dice invece subir.

PAPERAS: Se un vostro amico spagnolo ha le paperas, non significa che vive in una fattoria o possiede un laghetto. Significa pittosto che è a letto con gli “orecchioni”!

JORNAL: Con questa parola si definisce il “salario”. Per descrivere un “giornale” possiamo usare periódico diario (quotidiano).

Luca Cattaneo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui